I disperati dell’Alcoa, e la vacanza di Berlusconi

Che la vita , in senso lato, sia ingiusta, lo sappiamo, che debba darcene prova ogni giorno, è sfibrante. Mentre  vediamo,  da un parte, quei disperati dell’Alcoa, perché tali sono, (ma non gli unici …) che stanno cercando in ogni modo di salvare “qualcosa”, a qualsiasi prezzo come dichiarano da giorni, dall’altra abbiamo il nostro ex presidente del consiglio (in questo caso “p” e “c” , devono essere minuscole come lui!), che trascorre una rigenerante vacanza dimagrante in Kenya, in un  hotel superstellato … ecco che, allora, viene da chiedersi:quanto gliene potrà importare a “Silvio”, di quello che sta accadendo nel nostro Paese, e della necessità di “essere” qui, per lavorare sulle soluzioni dei problemi (ma non era lui quello del “fare”??), se in questo momento topico, non trova nulla di meglio da fare, che andare in vacanza … mentre qui si sguazza nel guano quotidiano … Trovo sia aberrante questa dichiarazione di indifferenza che rivolge a tutti noi, ed al nostro Paese. C’è solo una cosa nella  quale confidiamo, cioè che questa vacanza  in Kenya, per Berlusconi, sia l’inizio di una vacanza infinita, che porterà lui, ed i suoi assimilati, lontani dall’Italia, e dal suo Governo. Da quell’Italia fatta di persone serie, generose e etiche, l’unica della quale sentiamo il bisogno e la mancanza.  E l’unica che ci potrà salvare.

Solidarietà al Sulcis.

I disperati dell’Alcoa, e la vacanza di Berlusconiultima modifica: 2012-09-13T14:52:53+02:00da circolipensiero
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento